Gli acquedotti SII

La Servizio Idrico Integrato S.C.p.A. gestisce oltre 2.570 km di acquedotti alimentati da circa 140 punti di approvvigionamento tra pozzi, campi pozzi e sorgenti che insieme garantiscono il fabbisogno idrico dei circa 230.000 abitanti e di tutte le attività produttive presenti sul territorio.



Tale complesso acquedottistico può essere schematizzato in 3 macrosistemi:

Sistema Ternano

E' il sistema più importante per estensione e per numero di utenze servite ed è alimentato dalle sorgenti Lupa, Peschiera e Pacce e dai campi pozzi Peschiera, Pacce e Fontana di Polo nonché da vari altri pozzi situati all'interno della conca ternana; i centri idrici principali sono quello di Pentima che rifornisce la città Terni e quello di Fontana di Polo che alimenta la parte nord della città ed alcuni importanti comprensori adiacenti.

Sistema Amerino/Narnese

Questo sistema viene alimentato principalmente da due campi pozzi denominati Cerasola ed Argentello: il primo garantisce l'alimentazione mediante un acquedotto intercomunale di tutti i comuni del comprensorio Amerino (Amelia, Lugnano in Teverina, Alviano, Guardea, Montecchio, Giove, Penna in Teverina ed Attigliano) nonché parte del comune di Narni mentre il campo Argentello serve il bacino del Comune di Narni. I due macrosistemi Ternano e Amerino/Narnese sono collegati da un'adduttrice di grande diametro che permette di integrare il fabbisogno dell'Amerino/Narnese con le risorse del Ternano.

Sistema Orvietano

Il sistema principale che alimenta la città di Orvieto e le frazioni poste alle pendici della rupe è prevalentemente alimentato dalla sorgente di Sugano e marginalmente da alcune risorse locali. Nell'ambito del comprensorio orvietano sono di recente stati realizzati due acquedotti alimentati dai nuovi pozzi OV1 e OV4 che, oltre ad integrare il fabbisogno per la città di Orvieto (OV1), garantiscono l'alimentazione dei comuni di Castel Giorgio e Castel Viscardo (OV4). Vista la particolare tipologia delle acque prelevate questo sistema è stato dotato di vari impianti di potabilizzazione, attivati all'occorrenza, per la rimozione dell'alluminio e dell'arsenico.